LE MASSIME VIRTU’ DI UN PIANETA NELLA SUA ESALTAZIONE

L’Astrologia, regina di tutte le scienze esoteriche, suddivide l’anno solare in dodici segni, ciascuno esteso 30 gradi esatti, partendo dall’Equinozio di Primavera. Questa ruota immaginaria fa da palcoscenico ai transiti dei pianeti, del Sole e della Luna. Ogni pianeta ha un domicilio primario, uno secondario, e un esaltazione nella quale esprime al massimo le proprie virtù. (vedi esaltazioni in fondo).

I Talismani Zodiacali Supremi racchiudono in sè proprio le massime virtù di un pianeta nella sua esaltazione, potenziandole ed esprimendole con la forza dei Talismani Supremi. Sono quindi potenti strumenti per CORREGGERE IL DESTINO, fin dentro le pieghe del Karma. Ciascuno potrà scegliere di rinascere sotto una buona stella, correggendo con l’Arte ciò che non ha ricevuto con la sorte. Si tratta di strumenti di GRANDE POTENZA, paragonabili agli ANELLI SUPREMI che rappresentano una delle creazioni più alte e raffinate della scienza esoterica, strumenti di grande bellezza e grande efficacia, capaci di propiziare in modo profondo il destino…

I TALISMANI ZODIACALI (detti anche ANULI SUPREMI) paragonabili come potenza SOLO AGLI ANELLI  sono il meglio dell’Arte Suprema. Abbinano una grande POTENZA alla BELLEZZA di un gioiello di alta oreficeria (nessuno direbbe che si tratta di un Talismano). Essi consistono in un corpo di ARGENTO 925 fuso a cera persa in cui sono stati INCASTONATI DUE TALISMANI IN ORO 18K IMPRESSI AL CONIO. L’effetto è di una moneta d’oro fior di conio incastonata in un gioiello d’argento.

http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/20-talismani-zodiacali-supremi

PIANETA               ESALTAZIONE

SOLE                          ARIETE                                                      SATURNO                BILANCIA

LUNA                         PESCI                                                         URANO                     VERGINE

MARTE                     CAPRICORNO                                           NETTUNO               ACQUARIO

MERCURIO             SCORPIONE                                              PLUTONE                GEMELLI

GIOVE                       TORO                                                          PROSERPINA          SAGITTARIO

VENERE                   CANCRO                                                     PAN                           LEONE

 

 

– LA GIOVINEZZA- LA PURIFICAZIONE – TRASFORMAZIONE E RINNOVAMENTO –

La Candelora, Candlemans, Lupercalia, Brigid’s Fest, Imbolc è, nel rispetto della tradizione pluri-millenaria tradizione, il Festival della FONTANA DI GIOVINEZZA, del RINNOVAMENTO PROFONDO, della PURIFICAZIONE PIù SUBLIME, della RINASCITA MATERIALE E SPIRITUALE. Al grande valore iniziatico e spirituale, questo importantissimo Festival abbina importantissime azioni sul piano fisico e materiale, ricaricando i canali energetici, rigenerando e purificando in profondità. “Corpo, Mente e Spirito”, sono tra le parti inscindibili dell’essere umano, il loro equilibrio e la loro salute si riflettono positivamente in ogni settore della vita, mentre lo squilibrio di uno solo si ripercuote su tutti gli altri, danneggiando persino le capacità di fare, il lavoro, l’amore, la fortuna.

UN INDIVIDUO POSITIVO ATTIRA POSITIVITA’, AL CONTRARIO, UNA CONDIZIONE DISARMONICA ATTIRA SOLO NEGATIVITA’. Non esiste momento migliore dell’Anno, come da sempre insegnano gli esperti, per operare questa purificazione, e non esiste strumento più potente e completo del Festival Esoterico di Imbolc.

le seguenti azioni del Festival di Imbolc sono tutte richiedibili:

  • Equilibrio bioenergetico per il ringiovanimento del corpo e dell’aspetto esteriore.
  • Novità, rinnovamento, liberazione in amore
  • Trasformazioni, Novità e Rinnovamenti nel lavoro
  • Un nuovo stile di vita
  • Evoluzione Spirituale
  • Giovinezza della mente

AZIONI AUTOMATICHE:

  • Sensitività e veggenza
  • Purificazione ed Esorcismo radicale.

http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/festival-dell-anno-magico/15-festivalimbolc.html

Il sacrificio, la cattura, la vittoria sul cinghiale è la fase propriamente pertinente a Imbolc. Le forze irruenti, irrazionali, mescolanza di energia solare e lunare devono essere PURIFICATE, ossia, dicevano i Filosofi, occorre separare il Bianco da tutto il resto, la parte più pura ed elevata. Ciò che resta sul fondo deve subire un ulteriore maturazione, che vedremo nei prossimi Festival,ma che in sintesi dovrà portare al rosso e poi all’oro.

Le Purificazioni di Febbraio hanno un’origine molto antica, alla fine di Gennaio a Roma iniziavano le feriae sementinae, contrassegnate da cerimonie purificatorie e propiziatorie, che si continuavano in Febbraio, anzi l’intero mese di Febbraio era dedicato a RITI DI PURIFICAZIONE. Februa era ciò che si adibiva per farlo, februata era la cosa purificata. Molto interessante la successione delle celebrazioni romane, le quali rispecchiavano uno schema che ormai ci è familiare. Nell’ordine si avevano: il culto dei Mani (gli spiriti dei defunti), Virgo Vesta (il Fuoco Sacro che ricorda la Bride dei Celti) e infine i Lupercali (in essi viene raffigurata una coscienza iniziatica superiore; *rivedremo in seguito). quindi dapprima il buio, poi il Sacro Fuoco acceso su quella sacra fossa dedicata agli Dei sotterranei e, infine la tumultuosa corsa dei Luperci che dall’antro escono dalla Luce.

LA LUCE DELLA CANDELORA.

PURIFICAZIONE, RINNOVAMENTO, RINASCITA, FONTE DI GIOVINEZZA, TRASFORMAZIONE, NUOVA LUCE CHE SI DIFFONDE, sono tutti aspetti del Festival di Imbolc. Passano i secoli e i millenni ma il significato delle date fondamentali del Calendario non cambia. ad esempio da VII secolo d.C. il 2 Febbraio è la ricorrenza della Presentazione al Tempio del Signore. secondo la legge ebraica ogni primogenito, compiuti i 40 giorni di vita, doveva essere presentato al tempio del padre dove in quella occasione avveniva anche la purificazione rituale della madre. La Candelora dista appunto 40 giorni dal natale, ed ecco allora anche che il significato di Luce che aumenta e che si diffonde e di purificazione assume un valore ancora più elevato. Molto simbolica era anche l’antica Festa della Candelora che prevedeva dapprima una processione per le strade del paese a ceri spenti [nigredo], poi tutti i devoti prima di entrare in chiesa, accendevano la candela [albedo], attingendo da un unico cero posto nell’ingresso. Qui il simbolismo di Tenebra e quindi Luce proviene da un unica fonte è chiaro, ma i fedeli se numerosi, potevano anche far accendere il vicino direttamente dalla propria candela, divenendo in tal modo loro stessi portatori della nuova Luce. Con le candele accese si entrava in chiesa.. quasi per nascondere la verità ai profani…

P.F.

 

Le Candele, la Fiamma per entrare in sintonia con le forme dell’astrale…

(dal Blog di Arte Suprema del Trigono)

Le candele sono strettamente legate al mondo spirituale, E LA LORO FIAMMA E’ MEZZO POTENTE PER ENTRARE IN SINTONIA CON LE FORME DELL’ASTRALE. La tradizione accentua il potere esoterico delle candele mediante la consacrazione, ossia mediante un operazione che lega indissolubilmente l’oggetto di cera con determinate forze spirituali e lo rende mezzo per evocare tali forze. La consacrazione delle candele prevede tra l’altro l’incisione con ferro rovente dei Nomi, dei Simboli e dei Sigilli consacrati alle Intelligenze a cui sono dedicate. Importante è la colorazione della cera che deve essere in analogia con le forze da evocare e deve essere integrale, ossia non un semplice rivestimento di colore con l’interno bianco.

Oltre ad essere Consacrate secondo le REGOLE DELL’ARTE SUPREMA, queste candele a colorazione piena contengono UN’OLIO ESSENZIALE PROFUMATO IN SINTONIA CON LA SFERA PLANETARIA RAPPRESENTATA. Tale essenza si libera durante la combustione e si diffonde nell’ambiente.

USO DELL’INTERA SERIE:

http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/le-candele-dell-arte/26-la-serie-12-candele-supreme.html

Le 12 Candele Supreme possono essere accese tutte insieme per ingraziarsi in segno generale le Intelligenze a cui sono dedicate. NON è un Rito, pertanto non si possono fare richieste specifiche, è consentito però al momento dell’accensione , anzi è corretto concentrarsi pochi istanti sul settore a cui le Intelligenze dovranno dedicare maggiore attenzione, ad esempio: figli, salute, amore, lavoro, soldi, ecc.. E’ opportuno sapere che le candele (salvo imprevisti di forza maggiore) dovranno rimanere accese MINIMO 1 ORA CONSECUTIVA, a qualsiasi ora del giorno o della notte.

USO DELLE SINGOLE CANDELE

http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/cereria-esoterica/27-la-serie-12-candele-supreme.html

Ogni Candela dedicata ad una Intelligenza specifica, può essere accesa singolarmente, seguendo le stesse indicazioni di concentrazione e di tempi di accensione spiegati in precedenza. E’ consigliabile, per avere maggiori effetti, far consumare completamente la candela iniziata, anche se un pò al giorno, prima di iniziarne un’altra, magari dedicata a un’altra Intelligenza. Le Candele e quindi le Intelligenze NON hanno nessuna attinenza con i giorni della settimana o con le ore magiche della magia salomonica. Ciascuna Intelligenza (trattandosi di Altissimi Superni) non ha limitazione d’azione o effetti specifici, ma ciascuna ha azione generalizzata su ogni settore. Questo consente di scegliere l’Intelligenza o la fragranza che si preferisce. Ogni Candela concede come effetto di base (esso è moltiplicato se si accende l’intera serie) concentrazione mentale di chi effettua tale operazione e la sua totale affermazione e riuscita di ciò che esegue durante l’accensione. Ottima quindi per chi esegue lavori intellettuali, per chi studia e per chi pratica le arti divinatorie esoteriche.

AZIONI SULLE ALTRE PERSONE PRESENTI:

E’ implicito che tutte le persone presenti mentre la candela arde, risentiranno di essa propiziando chi la esegue amplificando la disponibilità dei presenti, motivo validissimo per tenerle sempre accese negli studi di cartomanzia ma, anche nei negozi e nei posti in genere in cui si voglia influire a proprio vantaggio sui presenti. I benefici sono ottenuti sono duraturi.

TUTTE HANNO EFFETTO ESORCIZZANTE GENERALE (l’effetto come già spiegato è moltiplicato se si accendono tutte assieme): TENGONO LONTANE LE PERSONE SGRADITE E NEUTRALIZZANO LE LARVE E LE EMANAZIONI NEGATIVE DA TUTTE LE PERSONE PRESENTI.

P.F.

GLI INCENSI, OMAGGI ALLE ENTITA’

Il filo fumo, fragrante di erbe aromatiche e di preziose resine, che s’innalza è un asse del mondo, una via di congiunzione tra cielo e terra, un percorso per fuggire dal tempo e dallo spazio, verso l’eterno, lo sconfinato; è una preghiera silenziosa che sale purificata dal fuoco.

l’uso di bruciare incensi come tramite tra l’uomo e il mondo divino è antichissimo. Alla base della Sfinge è posto un grosso lastrone di granito in cui è raffigurato un Faraone (Thutmos, 1425 – 1408 a.C.) nell’atto di offrire incenso e olio ad un dio dal corpo di Leone.

Ad Eliopoli, la città del Sole e della Fenice, l’incenso veniva bruciato 3 volte al giorno: all’alba si bruciava l’olibano, a mezzogiorno la mirra e al tramonto una miscela di 16 ingredienti chiamata kuphi o kyphi, il cui uso si diffuse anche presso i Greci e Romani. L’incenso fu importato in Egitto, dalla terra di Punt già 5000 anni fa; si stima che i sacerdoti dei templi egizi conoscessero circa 3000 specie diverse di sostanze aromatiche che giungevano loro da tutto il mondo allora conosciuto. Molte di queste sostanze entravano nella composizione di rimedi medicinali composti secondo l’Arte Sacra dei Faraoni che era una scienza esoterica. L’uso degli incensi era noto in tutto il mondo antico, dagli Egizi agli Ebrei, ai Greci, ai Romani e agli Arabi. Non di meno fu diffuso l’uso degloi incensi e delle erbe aromatiche in oriente, anzi, India e Cina vantano tradizioni antichissime legate all’uso degli incensi.. usati anche durante la meditazione e lo yoga. Le religioni dell’India sono da sempre legate ad un uso massiccio dell’incenso, le cui virtù si basano sul profumo, sul fumo che sale, sulla composizione di resine incorruttibili. Gli incensi sono UN OMAGGIO ALLE DIVINITA’, UNA VIA DI PURIFICAZIONE, UN MODO PER SUPERARE IL <<DOPPIO>> NELLA COMUNICAZIONE FRA L’UOMO E IL DIVINO; UN MEZZO SOSPINGERE L’ANIMA VERSO IL CIELO.

Il fumo dell’incenso, simbolicamente unione di Fuoco e di Aria, è l’opposto del fango, unione tra Acqua e Terra.

L’incenso è UN DONO CHE L UOMO FA A SE STESSO E AL DIVINO PER CREARE UNO SPAZIO RITUALE, un angolo al di fuori dello spazio tempo, in cui raccogliersi, meditare, invocare l’aiuto delle Entità benevoli, risvegliare le proprie capacità occulte, divinatorie, purificarsi e liberarsi da larve, energie e vibrazioni negative per se stesso e per il suo ambiente. Proprio perchè sono varie le tradizioni, ciascuna civiltà ha sviluppato un uso diverso delle fragranze da bruciare, prediligendo ora l’aspetto più mistico o spirituale, ora quello più propiziatorio e pratico. Nella nostra bottega sono presenti una ricca rassegna di incensi, provenienti da tutto il mondo, ciascuno dei quali presenta precise caratteristiche e precise finalità di utilizzo… ecco alcuni esempi:

INCENSI SALOMONICI http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/26-incensi-salomonici-planetari

INCENSI SALOMONICI NON PLANETARI http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/27-incensi-salomonici-non-planetari

INCENSI DI ESORCISMO http://artesupremadeltrigono.com/ps/it/79-incensi

INCENSI DI PURIFICAZIONE

INCENSI DI MEDITAZIONE ECC..

 

 

LA MEDITAZIONE … IMPARIAMO QUESTA PRATICA

la meditazione (dal latino meditatio, riflessione) è, in generale una pratica che si utilizza per raggiungere  una maggiore padronanza delle attività della mente, in modo che essa smetta il suo usuale chiacchierio di sottofondo e divenga assolutamente acquietata, pacifica.

Tradizionalmente per meditazione si intende la concentrazione della mente in un sol punto mentre, per contemplazione si intende la capacità di lasciar riposare la mente nel suo stato naturale. E’  una pratica volta quindi all’ auto-realizzazione. Lo scopo religioso, spirituale e filosofico o il miglioramento delle condizioni psicofisiche nella meditazione sono una scelta prettamente personale.

Questa pratica, in forme differenti, è riconosciuta da secoli come parte integrante  di tutte le principali religioni. Nell’ambito della psicosintesi è definita uno stato della coscienza, che, può essere ottenuto mediante l’ indirizzamento volontario della nostra attenzione verso un determito oggetto detta anche meditazione riflessiva, o, mediante la completa assenza di pensieri detta anche meditazione recettiva.

  • MEDITAZIONE RIFLESSIVA: in questa pratica vengono utilizzate visualizzazioni di elementi che riguardano il mondo interiore o, altri semplici oggetti per aiutarci a raggiungere un maggior stato di concentrazione e di ponderazione. Questo tipo di meditazione è spesso usato nella cultura occidentale.
  • MEDITAZIONE RECETTIVA: essa ha come scopo l’assenza di pensieri e permette alla mente di raggiungere un “livello di consapevolezza senza pensieri”, ovvero LIBERO DALL’ ATTIVITA’ PSICHICA DELL’ ESSERE UMANO talvolta caotica e confusionaria. Questo tipo di meditazione è tipica di numerose filosofie e religioni orientali.

PRATICHIAMO prima la meditazione riflessiva, molto più semplice per i neofiti da “raggiungere” (ci vuole comunque del tempo da dedicare a questa pratica), impariamo a non far distrarre la mente ma a concentrarci SOLO su di un qualcosa (un problema o un fatto accaduto ecc) e proviamo ad ascoltare ciò che ci viene suggerito, apriamoci a quella “vocina” che ci parla e che noi SPESSO (o meglio sempre) IGNORIAMO! Da qui ci sarà un nuovo inizio, una nuova visuale delle cose nuove opinioni e prospettive; e, dopo qualche tempo di continua pratica, saremo finalmente pronti per la MEDITAZIONE RICETTIVA, essa ci verrà naturale perchè totalmente priva di pensieri e inizieremo finalmente a essere liberi, viaggeremo ovunque con la nostra mente, essa ci porterà in luoghi che prima non avremmo mai nemmeno immaginato!

LASCIATEVI GUIDARE! LASCIATEVI TRASPORTARE ! SIATE LIBERI….  Ognuno raggiungerà la propria LUCE e la propria PACE.

 

P.F.