MAGIA TRADIZIONALE

SIMBOLI MAGICI -IL SEGNO DI AEMET

<888>NUMEROLOGIA Il Sigillo di Aemeth (a volte chiamato erroneamente il Sigillo di Aemeth), usato dal mago elisabettiano, Dr. John Dee, nella sua Magia Enochiana. La figura contiene una serie di simboli magici correlati, ciascuno associato a numeri specifici e angeli identificati. Il pentagramma centrale è il numero dell’Uomo ed è collegato all’Angelo di Venere. Intorno al pentagramma centrale c’è la figura a sette lati, contenuta all’interno di un’infinita figura di sette, che tocca un ettagono circondato esternamente

Arcangelo Gabriele,

<888>Per ottenere la grazia dall’Arcangelo Gabriele

L’Arcangelo Gabriele risponde a tutte le richieste riguardanti l’AMORE e l’AMICIZIA!

Nel campo della salute, aiuta anche per le guarigioni, allevia le malattie e porta pace e serenità, accettazione.

Gabriele apre il nostro cuore (ama sempre…) e promuove la compassione, contribuisce anche alla riconciliazione e rafforza il sentimento di amicizia.

Nel regno spirituale, l’Arcangelo Gabriele può potenziare i doni psichici e inviarti sogni premonitori.

Il modo migliore per pregare l’Arcangelo Gabriele di essere ascoltato?

Ecco un rituale che è stato dimostrato.
 Per questo, hai bisogno di pochi semplici ingredienti:

Una candela blu
Incenso alla rosa: per una richiesta d’amore.
Incenso alla vaniglia: per decuplicare i doni psichici.
Incenso alla mela verde: per domande di amicizia e di pace
Incenso di cedro: per chiedere la guarigione.

Ecco il Rituale dell’Evocazione:

Poiché l’Arcangelo Gabriele è imparentato con l’Elemento ACQUA, 
per chiamarlo meglio, riempi d’acqua una ciotola.
Quindi, girati a ovest, prendendo la ciotola con entrambe le mani,
alzalo al cielo e recita la seguente preghiera, che avrai
copiato dalla tua mano su un foglio di carta.

Invoco la presenza dell’Arcangelo Gabriele,Guardiano dell’Occidente e dell’elemento ACQUA.O potente Gabriele!Aiutami a ottenere ciò che voglioLa mia richiesta è giusta e buona(leggi la tua richiesta)Ti imploro di concedermi il mio desiderioIn tutto onoreCosì sia.

Quindi, brucia il tuo foglio di carta nella fiamma della candela blu e poi versa le ceneri in un ruscello. Puoi anche semplicemente svuotarli nella tazza del water e poi tirare lo sciacquone, l’importante è che la tua preghiera ridotta in cenere venga lavata via dall’acqua.<888>

LE SILFIE

<888>Mentre i saggi dicevano che la quarta classe di elementali, o silfidi, viveva nell’elemento dell’aria, non intendevano con questo l’atmosfera naturale della terra, ma il medium invisibile, intangibile, spirituale, una sostanza eterea simile nella composizione a la nostra atmosfera, ma molto più sottile. Nell’ultimo: discorso di Socrate, come conservato da Platone nel suo Fedone , il filosofo condannato dice:

“E sulla terra ci sono animali e uomini, alcuni in una regione di mezzo, altri (elementali] che dimorano nell’aria come noi abitiamo intorno al mare; altri in isole intorno alle quali l’aria scorre intorno, vicino al continente; e in una parola, il l’aria è usata da loro come l’acqua e il mare sono da noi, e l’etere è per loro ciò che l’aria è per noi. Inoltre, il temperamento delle loro stagioni è tale che non hanno malattie [Paracelso contesta questo], e vivere molto più a lungo di noi, e hanno la vista, il portamento e l’olfatto, e tutti gli altri sensi, in una perfezione molto maggiore, nella stessa misura in cui l’aria è più pura dell’acqua o l’etere dell’aria. Hanno anche templi e luoghi sacri in cui dimorano realmente gli dei, e ascoltano le loro voci e ricevono le loro risposte, ne sono consapevoli e conversano con loro, e vedono il sole, la luna e le stelle come sono realmente, e la loro altra beatitudine è di un pezzo con questo.” Mentre si credeva che le silfidi vivessero tra le nuvole e nell’aria circostante, la loro vera casa era sulle cime delle montagne.

Nelle sue note editoriali alle Scienze Occultedi Salverte, Anthony Todd Thomson dice: “Le Fate e le Fate sono evidentemente di origine scandinava, sebbene si supponga che il nome di Fata derivi, o meglio [sia] una modificazione del persiano Peri, un immaginario essere benevolo, la cui provincia era per proteggere gli uomini dalle maledizioni degli spiriti maligni, ma con più probabilità può essere riferito al gotico Fagur, poiché il termine Elfi deriva da Alfa, l’appellativo generale per l’intera tribù.Se questa derivazione del nome di Fata fosse ammesso, possiamo datare l’inizio della credenza popolare nelle fate britanniche al periodo della conquista danese.Si supponeva che fossero minuscoli esseri aerei, belli, vivaci e benevoli nei loro rapporti con i mortali, che abitavano una regione chiamata Fairy Land, Alf-heinner;apparivano comunemente sulla terra a intervalli, quando lasciavano tracce delle loro visite, in splendidi anelli verdi, dove l’erba umida di rugiada era stata calpestata nelle loro danze al chiaro di luna.”

Alle silfidi gli antichi affidavano il lavoro di modellare i fiocchi di neve e raccogliere le nuvole. Quest’ultimo lo realizzarono con la collaborazione delle ondine che fornivano l’umidità. I venti erano il loro veicolo particolare e gli antichi li chiamavano gli spiriti dell’aria. Sono i più alti di tutti gli elementali, essendo il loro elemento nativo il più alto nel tasso vibratorio. Vivono centinaia di anni, spesso arrivando a mille e non sembrano mai invecchiare. Il capo delle silfidi si chiama Paralda , che si dice abiti sulla montagna più alta della terra. Le silfidi femminili erano chiamate silfidi .

Si crede che le silfidi, le salamandre e le ninfe avessero molto a che fare con gli oracoli degli antichi; che infatti erano quelli che parlavano dalle profondità della terra e dall’aria sopra.

Le silfidi assumono talvolta forma umana, ma apparentemente solo per brevi periodi di tempo. La loro dimensione varia, ma nella maggior parte dei casi non sono più grandi degli esseri umani e spesso notevolmente più piccoli. Si dice che le silfidi abbiano accolto gli esseri umani nelle loro comunità e abbiano permesso loro di abitarvi per un periodo considerevole; infatti, Paracelso scrisse di un tale incidente, ma ovviamente non poteva essere accaduto mentre lo straniero umano era nel suo corpo fisico. Alcuni credono che le Muse dei Greci fossero silfidi, poiché si dice che questi spiriti si raccolgano intorno alla mente del sognatore, del poeta e dell’artista, e lo ispirino con la loro intima conoscenza delle bellezze e delle opere della Natura. . Alle silfidi fu dato l’angolo orientale della creazione. Il loro temperamento è allegro, mutevole ed eccentrico. Le qualità peculiari comuni agli uomini di genio sarebbero presumibilmente il risultato della cooperazione delle silfidi, il cui aiuto porta anche con sé l’inconsistenza silfica. Le silfidi lavorano con i gas del corpo umano e indirettamente con il sistema nervoso, dove la loro incostanza è di nuovo evidente. Non hanno un domicilio fisso, ma vagano da un luogo all’altro: nomadi elementali, poteri invisibili ma sempre presenti nell’attività intelligente dell’universo.


Dal Prodigiorum ac Ostentorum Chronicon di Licostene .

Probabilmente la più famosa delle ondine erano le sirene mitologiche, con le quali i primi marinai popolavano i Sette Mari. La credenza nell’esistenza di queste creature, la metà superiore dei loro corpi in forma umana e la metà inferiore simile a un pesce, potrebbe essere stata ispirata da branchi di pinguini visti a grande distanza, o forse da foche. Nelle descrizioni medievali delle sirene, è stato anche affermato che i loro capelli erano verdi come le alghe e che indossavano ghirlande intrecciate con i fiori di piante subacquee e anemoni di mare.

Dallo schizzo di Howard Wookey.

Le silfidi erano entità mutevoli, che passavano avanti e indietro con la rapidità del lampo. 
Funzionano attraverso i gas e gli eteri della terra e sono ben disposti verso gli esseri umani. 
Sono quasi sempre rappresentati come alati, a volte come piccoli cherubini e altre volte come delicate fate.

OSSERVAZIONI GENERALI

Alcuni degli antichi, diversamente da Paracelso, condividevano l’opinione che i regni elementali fossero capaci di farsi guerra l’uno contro l’altro, e riconoscevano nelle battaglie degli elementi disaccordi tra questi regni di spiriti della Natura. Quando un fulmine colpiva una roccia e la scheggiava, credevano che le salamandre stessero attaccando gli gnomi. Non potendo attaccarsi l’un l’altro sul piano delle proprie peculiari essenze eteriche, per il fatto che non c’era corrispondenza vibratoria tra i quattro eteri di cui questi regni sono composti, dovettero attaccarsi attraverso un denominatore comune, cioè il sostanza materiale dell’universo fisico su cui avevano un certo potere.

Le guerre furono combattute anche all’interno dei gruppi stessi; un esercito di gnomi attaccherebbe un altro esercito e la guerra civile sarebbe dilagante tra loro. I filosofi di molto tempo fa risolsero i problemi delle apparenti incongruenze della Natura individuando e personificando tutte le sue forze, accreditandole di avere temperamenti non dissimili dall’umano e poi aspettandosi che mostrassero le tipiche incongruenze umane. I quattro segni fissi dello zodiaco furono assegnati ai quattro regni degli elementali. Si diceva che gli gnomi fossero della natura del Toro; le ondine, della natura dello Scorpione; le salamandre esemplificavano la costituzione del Leone; mentre le silfidi manipolavano le emanazioni dell’Acquario.

La Chiesa Cristiana riunì tutte le entità elementari sotto il titolo di demone . Questo è un termine improprio con conseguenze di vasta portata, perché per la mente media la parola demone significa una cosa malvagia, e gli spiriti della Natura non sono essenzialmente più malvagi di quanto lo siano i minerali, le piante e gli animali. Molti dei primi Padri della Chiesa affermarono di aver incontrato e discusso con gli elementali.

Come già detto, gli spiriti della Natura sono senza speranza di immortalità, sebbene alcuni filosofi abbiano sostenuto che in casi isolati l’immortalità fosse loro conferita da adepti e iniziati che comprendevano certi sottili principi del mondo invisibile. Come la disintegrazione avviene nel mondo fisico, così avviene nella controparte eterea della sostanza fisica. In condizioni normali alla morte, uno spirito della Natura è semplicemente risolto di nuovo nell’essenza primaria trasparente da cui era stato originariamente individualizzato. Qualunque sia la crescita evolutiva è registrata unicamente nella coscienza di quell’essenza primaria, o elemento, e non nell’entità temporaneamente individualizzata dell’elementale. Essendo senza l’organismo composto dell’uomo e privo dei suoi veicoli spirituali e intellettuali,

I termini incubo e succubo sono stati applicati indiscriminatamente dai Padri della Chiesa agli elementali. L’incubo e la succube, tuttavia, sono creazioni malvagie e innaturali, mentre elementali è un termine collettivo per tutti gli abitanti delle quattro essenze elementali. Secondo Paracelso, l’incubo e la succube (che sono rispettivamente maschio e femmina) sono creature parassitarie che sussistono sui cattivi pensieri ed emozioni del corpo astrale. Questi termini sono applicati anche agli organismi superfisici di stregoni e maghi neri. Mentre queste larvenon sono in alcun modo esseri immaginari, sono, tuttavia, la progenie dell’immaginazione. Dagli antichi saggi erano riconosciuti come causa invisibile del vizio perché aleggiano negli eteri che circondano i moralmente deboli e li incitano continuamente ad eccessi di natura degradante. Per questo motivo frequentano l’atmosfera del covo, del tuffo e del bordello, dove si attaccano a quei disgraziati che si sono dati all’iniquità. Permettendo ai suoi sensi di essere indeboliti dall’indulgenza in droghe che danno assuefazione o stimolanti alcolici, l’individuo entra temporaneamente in relazione con questi abitanti del piano astrale. le ore visti dal drogato di hashish o oppio e i mostri luridi che tormentano la vittima del delirium tremens sono esempi di esseri submondani, visibili solo a coloro le cui pratiche malvagie sono la calamita per la loro attrazione.

Diverso ampiamente dagli elementali e anche dall’incubo e dalla succube è il vampiro, che è definito da Paracelso come il corpo astrale di una persona viva o morta (di solito quest’ultimo stato). Il vampiro cerca di prolungare l’esistenza sul piano fisico derubando i viventi delle loro energie vitali e appropriandosi indebitamente di tali energie per i propri fini.

Nel suo De Ente Spirituali Paracelso scrive così di questi esseri maligni: “Una persona sana e pura non può esserne ossessionata, perché tali Larve possono agire sugli uomini solo se queste poi fanno loro spazio nella loro mente. Una mente sana è un castello che non può essere invaso senza la volontà del suo padrone; ma se gli si lascia entrare, eccitano le passioni degli uomini e delle donne, creano in loro bramosie, producono cattivi pensieri che agiscono dannosamente sul cervello; aguzzano l’intelletto animale e soffocano il senso morale. Gli spiriti maligni ossessionano solo quegli esseri umani in cui predomina la natura animale. Le menti illuminate dallo spirito di verità non possono essere possedute, solo coloro che sono abitualmente guidati dai propri impulsi inferiori possono essere soggetti alle loro influssi.” (VedereParacelso , di Franz Hartmann.)

Un concetto strano, e un po’ in contrasto con il convenzionale, è quello sviluppato dal Conte de Gabalis riguardo all’Immacolata Concezione , cioè che essa rappresenti l’unione di un essere umano con un elementale. Tra i figli di tali unioni elenca Ercole, Achille, Enea, Teseo, Melchisedek, il divino Platone, Apollonio di Tiana e il Mago Merlino.<888>

LE UNDINE

<888>Come gli gnomi erano limitati nella loro funzione agli elementi della terra, così le ondine (nome dato alla famiglia degli elementali dell’acqua) funzionano nell’essenza spirituale invisibile chiamata etere umido (o liquido). Nella sua velocità vibratoria questo è vicino all’elemento acqua, e quindi le ondine sono in grado di controllare, in larga misura, il corso e la funzione di questo fluido in Natura. La bellezza sembra essere la nota fondamentale degli spiriti dell’acqua. Ovunque li troviamo raffigurati nell’arte o nella scultura, abbondano in simmetria e grazia. Controllando l’elemento acqua, che è sempre stato un simbolo femminile, è naturale che gli spiriti dell’acqua siano spesso simboleggiati come femminili.

Ci sono molti gruppi di ondine. Alcuni abitano le cascate, dove possono essere visti negli spruzzi; altri sono originari di fiumi in rapido movimento; alcuni hanno il loro habitat in paludi o paludi gocciolanti e trasudanti; mentre altri gruppi abitano in limpidi laghi di montagna. Secondo i filosofi dell’antichità, ogni fontana aveva la sua ninfa; ogni onda dell’oceano il suo oceanide. Gli spiriti dell’acqua erano conosciuti con nomi come oreades, nereides, limoniades, naiades, spiriti dell’acqua, fanciulle marine, sirene e potamidi. Spesso le ninfe dell’acqua derivavano i loro nomi dai ruscelli, dai laghi o dai mari in cui abitavano.

Nel descriverli, gli antichi concordavano su alcuni tratti salienti. In generale, quasi tutte le ondine somigliavano molto agli esseri umani nell’aspetto e nelle dimensioni, sebbene quelle che abitavano piccoli ruscelli e fontane fossero di proporzioni proporzionalmente minori. Si credeva che questi spiriti dell’acqua fossero occasionalmente in grado di assumere l’aspetto di normali esseri umani e di associarsi effettivamente con uomini e donne. Ci sono molte leggende su questi spiriti e sulla loro adozione da parte delle famiglie di pescatori, ma in quasi tutti i casi le ondine udirono il richiamo delle acque e tornarono nel regno di Nettuno, il Re del Mare.

Non si sa praticamente nulla delle ondine maschili. Gli spiriti dell’acqua non stabilirono case nello stesso modo degli gnomi, ma vivevano in grotte di corallo sotto l’oceano o tra le canne che crescono sulle rive dei fiumi o sulle rive dei laghi. Tra i Celti c’è una leggenda secondo cui l’Irlanda era popolata, prima dell’arrivo dei suoi attuali abitanti, da una strana razza di creature semidivine; con l’avvento dei moderni Celti si ritirarono nelle paludi e nelle paludi, dove rimangono ancora oggi. Piccole ondine vivevano sotto le ninfee e in piccole case di muschio spruzzate da cascate. Le ondine lavoravano con le essenze ei liquidi vitali nelle piante, negli animali e negli esseri umani, ed erano presenti in tutto ciò che conteneva acqua. Quando si vedevano, le ondine generalmente assomigliavano alle dee della statuaria greca.

Esistono molte famiglie di ondine, ognuna con i suoi peculiari limiti, è impossibile considerarle qui in dettaglio. Il loro sovrano, Necksa , amano, onorano e servono instancabilmente. Si dice che il loro temperamento sia vitale, ea loro è stato dato come loro trono l’angolo occidentale della creazione. Sono esseri piuttosto emotivi, amichevoli con la vita umana e desiderosi di servire l’umanità. A volte sono raffigurati mentre cavalcano delfini o altri grandi pesci e sembrano avere un amore speciale per i fiori e le piante, che servono con devozione e intelligenza quasi quanto gli gnomi. Antichi poeti hanno detto che i canti delle ondine si udivano nel Vento dell’Ovest e che le loro vite erano consacrate all’abbellimento della terra materiale.<888>

GLI GNOMI

Gli elementali che abitano in quel corpo attenuato della terra che è chiamato etere terrestre sono raggruppati sotto il titolo generale di gnomi . (Il nome deriva probabilmente dal greco genomus , che significa abitante della terra. Vedi New English Dictionary .)

Proprio come ci sono molti tipi di esseri umani che si evolvono attraverso gli elementi fisici oggettivi della Natura, così ci sono molti tipi di gnomi che si evolvono attraverso il corpo etereo soggettivo della Natura. Questi spiriti della terra lavorano in un elemento così vicino nel ritmo vibratorio alla terra materiale che hanno un potere immenso sulle sue rocce e sulla sua flora, e anche sugli elementi minerali nei regni animale e umano. Alcuni, come i pigmei, lavorano con pietre, gemme e metalli e dovrebbero essere i guardiani di tesori nascosti. Vivono in caverne, in fondo a quella che gli scandinavi chiamavano la Terra dei Nibelunghi. Nel meraviglioso ciclo di opere di Wagner, L’anello dei Nibelunghi, Alberich si fa Re dei Pigmei e costringe queste piccole creature a raccogliere per lui i tesori nascosti sotto la superficie della terra.

Oltre ai pigmei ci sono altri gnomi, chiamati spiriti degli alberi e della foresta. A questo gruppo appartengono i silvestri, i satiri, i pan, le driadi, le amadriadi, i durdali, gli elfi, i brownie e i vecchietti dei boschi. Paracelso afferma che gli gnomi costruiscono case di sostanze che assomigliano nei loro costituenti ad alabastro, marmo e cemento, ma la vera natura di questi materiali è sconosciuta, non avendo controparti nella natura fisica. Alcune famiglie di gnomi si riuniscono in comunità, mentre altre sono indigene delle sostanze con e nelle quali lavorano. Ad esempio, le amadriade vivono e muoiono con le piante o gli alberi di cui fanno parte. Si dice che ogni arbusto e fiore abbia il proprio spirito della Natura, che spesso usa il corpo fisico della pianta come sua abitazione. Gli antichi filosofi,

CM Gayley, in I miti classici, dice: “Era un tratto gradevole nell’antico paganesimo che amava rintracciare in ogni operazione della natura l’agente della divinità. L’immaginazione dei Greci popolava le regioni della terra e del mare di divinità, alla cui agenzia attribuiva i fenomeni che la nostra filosofia attribuisce al funzionamento della legge naturale.” Così, a favore della pianta con cui lavorava, gli elementi alimentari accettavano e rifiutavano elementi elementari, depositavano in essa materia colorante, conservavano e proteggevano il seme e svolgevano molti altri uffici benefici. Ogni specie era servita da un tipo diverso ma appropriato di spirito della Natura. Quelli che lavoravano con arbusti velenosi, per esempio, avevano un aspetto offensivo. Si dice che gli spiriti della natura della cicuta velenosa assomiglino a piccolissimi scheletri umani, sottilmente ricoperti da una carne semitrasparente.

Anche i grandi alberi hanno i loro spiriti della natura, ma questi sono molto più grandi degli elementali delle piante più piccole. Le fatiche dei pigmei comprendono il taglio dei cristalli nelle rocce e lo sviluppo di vene di minerale. Quando gli gnomi lavorano con animali o esseri umani, il loro lavoro è limitato ai tessuti corrispondenti alla loro stessa natura. Quindi lavorano con le ossa, che appartengono al regno minerale, e gli antichi credevano che la ricostruzione di membri spezzati fosse impossibile senza la cooperazione degli elementali.

Gli gnomi sono di varie dimensioni, la maggior parte molto più piccoli degli esseri umani, sebbene alcuni di loro abbiano il potere di cambiare la loro statura a piacimento. Questo è il risultato dell’estrema mobilità dell’elemento in cui funzionano. Di loro scriveva l’Abbé de Villars: “La terra è piena quasi al suo centro di Gnomi, persone di statura esile, che sono custodi di tesori, minerali e pietre preziose. Sono ingegnosi, amici dell’uomo e facili da governare. .”

Non tutte le autorità sono d’accordo sulla disposizione amabile degli gnomi. Molti affermano che sono di natura ingannevole e maligna, difficili da gestire e infidi. Gli scrittori concordano, tuttavia, che una volta conquistata la loro fiducia, sono fedeli e veri. I filosofi e gli iniziati del mondo antico furono istruiti su queste misteriose piccole persone e come comunicare con loro e ottenere la loro collaborazione in imprese importanti. I magi furono sempre avvertiti, tuttavia, di non tradire mai la fiducia degli elementali, perché se lo facessero, le creature invisibili, lavorando attraverso la natura soggettiva dell’uomo, potrebbero causare loro un dolore infinito e probabilmente la distruzione finale. Finché il mistico serviva gli altri, gli gnomi avrebbero servito lui, ma se avesse cercato di usare egoisticamente il loro aiuto per ottenere il potere temporale, si sarebbero rivolti a lui con furia inesorabile. Lo stesso valeva se cercava di ingannarli.

Gli spiriti della terra si incontrano in certi periodi dell’anno in grandi conclavi, come suggerisce Shakespeare nel suo Sogno di una notte di mezza estate, dove gli elementali si riuniscono tutti per gioire della bellezza e dell’armonia della Natura e delle prospettive di un eccellente raccolto. Gli gnomi sono governati da un re, che amano e riveriscono molto. Il suo nome è Gob; quindi i suoi sudditi sono spesso chiamati goblin. I mistici medievali davano un angolo della creazione (uno dei punti cardinali) a ciascuno dei quattro regni degli spiriti della Natura, e a causa del loro carattere terreno gli gnomi furono assegnati al Nord, il luogo riconosciuto dagli antichi come la fonte delle tenebre e morte. Agli gnomi fu assegnata anche una delle quattro principali divisioni dell’indole umana, e poiché molti di loro abitavano nell’oscurità delle caverne e nell’oscurità delle foreste, si diceva che il loro temperamento fosse malinconico, cupo e avvilito. Con ciò non si intende che essi stessi siano di tale disposizione, ma piuttosto che abbiano un controllo speciale su elementi di consistenza simile.

Gli gnomi si sposano e hanno una famiglia, e le gnomi femmine sono chiamate gnomidi . Alcuni indossano abiti tessuti dell’elemento in cui vivono. In altri casi i loro indumenti sono parte di se stessi e crescono con loro, come la pelliccia degli animali. Si dice che gli gnomi abbiano appetiti insaziabili e trascorrano gran parte della brina mangiando, ma si guadagnano il cibo con diligenti e coscienziosi lavoro duro e faticoso. La maggior parte di loro ha un temperamento avaro, ama riporre le cose in luoghi segreti. Ci sono abbondanti prove del fatto che i bambini piccoli vedono spesso gli gnomi, in quanto il loro contatto con il lato materiale della Natura non è ancora completo e funzionano ancora più o meno consapevolmente nei mondi invisibili.

Secondo Paracelso, “L’uomo vive negli elementi esterni e gli Elementali vivono negli elementi interni. Questi ultimi hanno abitazioni e vestiti, usi e costumi, lingue e governi propri, nello stesso senso in cui le api hanno le loro regine e le loro mandrie. degli animali i loro capi.” ( Philosophia Occulta , tradotto da Franz Hartmann.)

Paracelso differisce in qualche modo dai mistici greci riguardo alle limitazioni ambientali imposte agli spiriti della Natura. Il filosofo svizzero li costituisce di sottili eteri invisibili. Secondo questa ipotesi sarebbero visibili solo in determinati momenti e solo a coloro che sono in rapporto con le loro vibrazioni eteree. I Greci, d’altra parte, credevano che molti spiriti della Natura avessero costituzioni materiali in grado di funzionare nel mondo fisico. Spesso il ricordo di un sogno è così vivido che, al risveglio, una persona crede effettivamente di aver attraversato un’esperienza fisica. La difficoltà di giudicare accuratamente la fine della vista fisica e l’inizio della visione eterea può spiegare queste differenze di opinione.

Anche questa spiegazione, tuttavia, non dà una spiegazione soddisfacente del satiro che, secondo san Girolamo, fu catturato vivo durante il regno di Costantino ed esibito al popolo. Era di forma umana con le corna ei piedi di una capra. Dopo la sua morte fu conservata sotto sale e portata all’Imperatore perché ne testimoniasse la realtà. (È nei limiti della probabilità che questa curiosità fosse ciò che la scienza moderna conosce come una mostruosità .)

GNOMI CONVENZIONALI.

Da Den Ældre Eddas Gudesange di Gjellerup .

Il tipo di gnomo più frequente è il brownie, o elfo, una piccola creatura birichina e grottesca alta dai dodici ai diciotto pollici, solitamente vestita di verde o marrone ruggine. La maggior parte di loro appare molto invecchiata, spesso con lunghe barbe bianche, e le loro figure sono inclini alla rotondità. Possono essere visti correre fuori dai buchi nei ceppi degli alberi e talvolta svaniscono dissolvendosi nell’albero stesso.<888>